Giuseppe accoglie suo padre

15 Febbraio 2016 Scritto da  Redazione
  • Dimensione caratteri articolo
Giacobbe, viceré d'Egitto accoglie suo padre Giacobbe con tutta la famiglia, per risparmiarli dalla carestia.
Giuseppe accoglie suo padre Giacobbe

Genesi 46:28-34

Ora Giacobbe aveva mandato Giuda avanti a sé, da Giuseppe, perché questi desse istruzioni in Gosen prima del suo arrivo.
Poi arrivarono al paese di Gosen.
Allora Giuseppe fece attaccare il suo carro e salì in Gosen incontro a Israele, suo padre.

Appena se lo vide davanti, gli si gettò al collo e pianse a lungo stretto al suo collo.
Israele disse a Giuseppe: «Posso anche morire, questa volta, dopo aver visto la tua faccia, perché sei ancora vivo».

Allora Giuseppe disse ai fratelli e alla famiglia del padre: «Vado ad informare il faraone e a dirgli: I miei fratelli e la famiglia di mio padre, che erano nel paese di Canaan, sono venuti da me.
Ora questi uomini sono pastori di greggi, si occupano di bestiame, e hanno condotto i loro greggi, i loro armenti e tutti i loro averi.

Quando dunque il faraone vi chiamerà e vi domanderà: Qual è il vostro mestiere?; voi risponderete: Gente dedita al bestiame, sono stati i tuoi servi, dalla nostra fanciullezza fino ad ora, noi e i nostri padri.

Questo perché possiate risiedere nel paese di Gosen.
Perché tutti i pastori di greggi sono un abominio per gli Egiziani».
2249
Altro in questa categoria: