Giuseppe in prigione

15 Febbraio 2016 Scritto da  Redazione
  • Dimensione caratteri articolo
Giuseppe viene accusato ingiustamente dalla moglie del suo padrone, il quale lo rinchiude nella prigione a scontare una pena per quello che non ha commesso. Ma Dio, nella stessa prigione, ricambia la fedeltà di Giuseppe.
Giuseppe in prigione

Genesi 39:7-23

Dopo questi fatti, la moglie del padrone gettò gli occhi su Giuseppe e gli disse: «Unisciti a me!».
Ma egli rifiutò e disse alla moglie del suo padrone: «Vedi, il mio signore non mi domanda conto di quanto è nella sua casa e mi ha dato in mano tutti i suoi averi.
Lui stesso non conta più di me in questa casa; non mi ha proibito nulla, se non te, perché sei sua moglie.
E come potrei fare questo grande male e peccare contro Dio?».
E, benché ogni giorno essa ne parlasse a Giuseppe, egli non acconsentì di unirsi, di darsi a lei.

Ora un giorno egli entrò in casa per fare il suo lavoro, mentre non c'era nessuno dei domestici.
Essa lo afferrò per la veste, dicendo: «Unisciti a me!».
Ma egli le lasciò tra le mani la veste, fuggì e uscì.

Allora essa, vedendo ch'egli le aveva lasciato tra le mani la veste ed era fuggito fuori, chiamò i suoi domestici e disse loro: «Guardate, ci ha condotto in casa un Ebreo per scherzare con noi!
Mi si è accostato per unirsi a me, ma io ho gridato a gran voce.
Egli, appena ha sentito che alzavo la voce e chiamavo, ha lasciato la veste accanto a me, è fuggito ed è uscito».
Ed essa pose accanto a sé la veste di lui finché il padrone venne a casa.

Allora gli disse le stesse cose: «Quel servo ebreo, che tu ci hai condotto in casa, mi si è accostato per scherzare con me.
Ma appena io ho gridato e ho chiamato, ha abbandonato la veste presso di me ed è fuggito fuori».

Quando il padrone udì le parole di sua moglie che gli parlava: «Proprio così mi ha fatto il tuo servo!», si accese d'ira.
Il padrone di Giuseppe lo prese e lo mise nella prigione, dove erano detenuti i carcerati del re.

Ma il Signore fu con Giuseppe, gli conciliò benevolenza e gli fece trovare grazia agli occhi del comandante della prigione.
Così il comandante della prigione affidò a Giuseppe tutti i carcerati che erano nella prigione e quanto c'era da fare là dentro, lo faceva lui.
Il comandante della prigione non si prendeva cura più di nulla di quanto gli era affidato, perché il Signore era con lui e quello che egli faceva il Signore faceva riuscire.
2598
Altro in questa categoria: