La fedeltà di Daniele

Disegni e storie da colorare e leggere dalla Bibbia

Created with Sketch.

La fedeltà di Daniele

Daniele
Condividi articolo

Daniele nella fossa dei leoni.

 

Daniele è il miglior ministro dei re Dario, per cui il re lo tiene in alto onore.
Questa sua posizione, però, favorisce l’invidia di altri ministri, che diventano suoi rivali e nemici.

Costoro cercano in tutti i modi di trovare dei difetti in Daniele, in modo da poterlo accusare davanti al re; ma non potendone trovare escogitano un piano per intrappolare Daniele.

Così vanno dal re, convincendolo ad emanare una legge che vieti per un certo periodo a chiunque di pregare o di rivolgere richieste a persone semplici, a funzionari reali e a divinità varie, ma che preghiere e richieste siano rivolte soltanto al re, in più, colui che trasgredisce tale legge sia condannato ad essere divorato dai leoni.

Il re acconsente e la legge viene emanata e messa in vigore.
Daniele viene a conoscenza della cosa e capisce bene che la legge è stata fatta di proposito per lui, per incastrarlo, perché i suoi nemici sanno che lui prega sempre Dio, tre volte al giorno, nella sua casa.

Daniele, però, non si fa distogliere dalla sua giornaliera devozione e, tranquillamente si mette a pregare.

I suoi nemici lo spiano del continuo e mentre Daniele prega nella sua casa, irrompono accusandolo di trasgredire la legge del re.
Corrono subito da re, dicendo: “Daniele prega il suo Dio tre volte ai giorno. Deve essere gettato in pasto ai leoni!”.

Il re, che vuole tanto bene a Daniele, si rattrista per questo fatto e cerca in tutti i modi di evitare la condanna; purtroppo, senza riuscirci, perché non può cambiare una legge che lui stesso ha emanato.

A malincuore il re ordina di gettare Daniele nella fossa dei leoni, però con il desiderio che almeno il suo Dio, che tanto prega, lo possa aiutare, e grida dall’alto della fossa: “Che il tuo Dio ti protegga!”.
Daniele sa che Dio è con lui, anche… nella fossa dei leoni.

In quella notte il re non riesce a dormire, si chiede se Dio farà qualcosa per Daniele.
La mattina, molto presto, il re Dario corre verso la fossa e con trepidazione grida: “Daniele, ti ha aiutato il tuo Dio?”.

Dal fondo della fossa si sente la voce di Daniele: “Si, mio re, il mio Dio ha inviato il suo angelo, che ha impedito ai leoni di farmi del male”.

Subito, Daniele viene tirato fuori dalla fossa ed al suo posto vi gettano i suoi nemici, sui quali si avventano subito i leoni.

Così Daniele è rimasto fedele a Dio e Lui lo ha protetto nel momento del bisogno.

Tratto dal libro di Daniele cap. 6


Elenco Storie dall’Antico Testamento

Abramo e Isacco
Abramo deve sacrificare a Dio suo figlio Isacco. Abramo e Sara, dopo tanti anni, finalmente hanno un figlio, che chiamano Isacco. I due vogliono molto bene al loro figlio. Però questo figlio potrebbe essere un problema per ...
Leggi Tutto
Abramo e Sara
Dio ordina ad Abramo a recarsi in Canaan, un paese ancora sconosciuto per lui. Abramo vive in una città, chiamata Ur, dove gli abitanti non credono in Dio: adorano delle figure di legno e di pietra ed ...
Leggi Tutto
La creazione
Dio ha creato tutte le cose che oggi noi vediamo: gli uomini, la natura, gli animali, l'universo, etc.. Adamo ed Eva passeggiano nel giardino dell'Eden. Essi sanno che tutte le bellezze attorno a loro sono opera di ...
Leggi Tutto
Daniele
Daniele nella fossa dei leoni. Daniele è il miglior ministro dei re Dario, per cui il re lo tiene in alto onore. Questa sua posizione, però, favorisce l'invidia di altri ministri, che diventano suoi rivali e nemici ...
Leggi Tutto
Il profeta Giona
Il profeta Giona vuole evitare, ad ogni costo, di portare l'oracolo di Dio alla città di Ninive. "Giona, voglio che tu vada a Ninive ad avvertire la gente della città, perché stanno facendo delle cose cattive ed ...
Leggi Tutto
Faraone
Faraone si oppone al volere di Dio per la liberazione del Suo popolo. "Dio ha udito i vostri pianti ed ha visto la vostra miseria. Presto sarete liberi e vi trasferirete nella terra che Dio ha promesso ...
Leggi Tutto
Il profeta Elia
Elia sfida, sul monte Carmel, i sacerdoti di Baal.  Già da lontano si sentono le voci dei messaggeri dei re Acab che gridano: "Tutta la gente d'Israele deve venire sul monte Carmel! È un ordine dei re!" ...
Leggi Tutto
La torre di Babele
La superbia dell'uomo porta la confusione delle lingue. Nella terra di Scinear (l'odierna Iraq) si lavora assiduamente. Gli abitanti crescono di numero e vi è l'esigenza di sempre nuove abitazioni. Così sono molto impegnati nella costruzione di ...
Leggi Tutto
La visione di Giacobbe
Durante la sua fuga da Esaù, Giacobbe ha una visione di incoraggiamento da parte di Dio.  "Giacobbe, devi andare via subito da qui. Se tuo fratello ti trova, sarai nei guai!"; queste sono le parole che rimbombano ...
Leggi Tutto
Geremia
Il re brucia la lettera scritta dal profeta Geremia da parte di Dio. "Ascoltate, gente! Dio ha un messaggio importante per voi". La gente si ferma sorpresa. Baruc, l'amico dei profeta Geremia, sta nell'atrio davanti ai tempio, ...
Leggi Tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.