Guarigione del paralitico di Betesda

03 Maggio 2016 Scritto da  Redazione
  • Dimensione caratteri articolo
In questa occasione, Gesù ha dimostrato la sua compassione e misericordia, guarendo un paralitico cattivo, senza averne ricevuto richiesta.
Guarigione del paralitico di Betesda

A Gerusalemme vi era una piscina, chiamata Betesda, dove si raccoglievano molti ammalati di ogni genere; alcuni stavano lì a permanenza fissa, altri venivano o vi erano portati di tanto in tanto. 
Quegli ammalati, però non stavano lì per riposare o per condividere le proprie sofferenze, e neanche era un posto di cura o di refrigerio.
L'unico motivo che radunava lì quegli infermi era il fatto che ogni tanto, senza alcun preavviso, veniva un angelo nell'acqua e il primo che si immergeva dentro veniva guarito. 
L'angelo non si faceva vedere, ma loro capivano la sua presenza perchè l'acqua nella vasca incominciava ad agitarsi. 
Era fortunato chi era il più attento e il più agile a sfruttare quella occasione.

Un giorno Gesù, si recò lì con l'intenzione di quarire qualcuno di quei poveretti.
Gesù si presentò da un paralitico, perché sapeva che si trovava in quella condizione da 38 anni.
Gesù lo guarì, e lo incoraggiò ad andare a casa, portandosi dietro la testimonianza della sua infermità: il suo lettuccio, quello che aveva da tanto tempo usato per sdraiarsi. 
Tutto questo avvenne che era di Sabato, cioè il giorno di riposo, secondo il comandamento di Dio.

Mentre andava a casa, degli uomini religiosi, vedendo che portava il suo lettuccio, accusarono l'ex paralitico di trasgredire il comandamento del Giorno di riposo.
L'uomo, per giustificarsi, riferì che è stato costretto da Gesù a portare il lettuccio, perché lo aveva guarito proprio in quel giorno.
Così, quell'uomo che aveva ricevuto un beneficio dal Signore, si è manifestato come suo accusatore; infatti, i Giudei cercavano dei pretesti per poter accusare e togliere di mezzo Gesù.
La brutta condizione di quell'uomo non era solo il fatto di essere stato paralitico da 38 anni, ma la sua cattiveria, perché ha denunciato Gesù di trasgredire il comandamento del riposo del Sabato, perché lo aveva guarito proprio in quel giorno.

(Dal Vangelo di Giovanni 5:1-16)

La guarigione la fa il Signore, ma il ravvedimento lo dobbiamo fare noi.
L'amore di Dio va oltre i nostri peccati, ci guarisce anche se non lo meritiamo, con la speranza che ci ravvediamo.
3259
Altro in questa categoria:

Lascia un commento

I commenti dovranno rispettare le regole della Netiquette.